Sezioni

Giugno 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

9 Dicembre 2022 home

Abruzzo Popolare

Sito di informazione quotidiana: politica, cronaca, economia, ambiente, sport, piccoli Comuni, editoriali e rubriche

ARTISTIC DREAM OF PEACE. Performance artistica sulla pace

Da un’idea di Berardo Montebello. Dal 16 al 19 giugno 2022 – dalle ore 20:00 alle 23:00

Giulianova, 13 giugno 2022. Si chiama Artistic dream of Peace il nuovo progetto della RespirArt Gallery ideato da Berardo Montebello e inserito nell’ambito del Festival “Approdo”, che si terrà a Giulianova (TE) dal 16 al 19 Giugno. La performance vede protagonisti i 100 ragazzi ucraini ospiti dell’Hotel Royal, nella realizzazione di un grande dipinto sul pavimento di Corso Garibaldi, nel centro storico della cittadina giuliese: le mani di giovani e giovanissimi, coadiuvate dagli artisti presenti, si muoveranno su uno spazio, largo un metro e lungo cento, per costruire un vero e proprio corteo di pace. Le figure che caratterizzano la rappresentazione si collocano su linee di colore orizzontale e respirano spazi che trovano rifugio nella coscienza, individuale e collettiva.

La condivisione interculturale del lavoro si nutrirà, inoltre, di contributi musicali ad opera degli stessi partecipanti, conferendo alla performance l’autenticità della fisionomia multimediale. Chiunque, poi, potrà lasciare il segno, il suo segno, in quella che risulta essere, a tutti gli effetti, un’opera d’arte in divenire. Chi è costretto a fuggire dalla guerra recupera il senso della social catena in questo luogo fisico e artistico, che non è legato soltanto alla specifica contingenza del conflitto russo-ucraino, ma al sogno di pace nel mondo.

Ogni tessera inserita durante l’happening artistico diventa, così, il contributo fattivo alla costruzione di armonia e assegna al tempo il suo valore più potente: il periodo della memoria, la cui condizione è l’eternità, nella continua evocazione del sé e della propria libertà.

Con la cooperazione di tutti, il passato come già compiuto non perde linfa vitale, ma viene recuperato e conservato per poter guardare avanti. Il sentiero di Corso Garibaldi, popolato di uomini, donne, anziani e bambini, invoca, cioè, quelle possibilità di mutamento che dovranno essere nel futuro, con la sua intelligenza retrospettiva. E la strada dipinta e percorsa dalle figure del corteo arriverà fino alla città di Assisi, capitale mondiale della pace, cui il progetto è destinato a giungere ed espletarsi. Pace, d’altronde, è contaminazione. Pace è accogliere più punti di vista.

Paola Cianella

image_pdfimage_print

About Post Author