Sezioni

Giugno 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

27 Novembre 2022 home

Abruzzo Popolare

Sito di informazione quotidiana: politica, cronaca, economia, ambiente, sport, piccoli Comuni, editoriali e rubriche

PLASTICA NELLE AREE PROTETTE di Vasto Marina

Bisogna intervenire subito

Vasto, 14 giugno 2022. Chi in questi giorni si trovi a transitare lungo il Sito Natura 2000 nonché Riserva Naturale Regionale Marina di Vasto, non può non notare, sulle dune, veri e propri accumuli di materiale plastico filamentoso: ebbene, quel materiale, è la plastica rilasciata dagli ombrelloni cosiddetti hawaiani ancora molto in voga, purtroppo, negli stabilimenti balneari.

Sebbene la plastica sulle spiagge rappresenti sempre un impattante inquinamento ambientale, il problema diventa ancora più evidenti laddove enormi quantità di plastica vengono rinvenuti proprio in quelle aree sottoposte a tutela ecologica da vincolanti norme italiane ed europee. Va infatti ricordato che gli ambienti marino-costieri rappresentano fondamentali bacini di biodiversità in cui sono presenti importanti habitat e in cui vivono innumerevoli specie animali e vegetali, ed è proprio grazie alla presenza di questa complessità ecologica che anche a Vasto Marina sono presenti due aree protette: tutelare quelle aree dev’essere considerata una priorità per le politiche ambientali cittadine.

Secondo i dati forniti da Legambiente e WWF – le cui organizzazioni locali sono gestori della Riserva di Marina di Vasto – oltre l’84% dei rifiuti sulle spiagge è plastica, e ogni anno oltre 150 milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare.

Il Mediterraneo, il mare che bagna le nostre coste, è uno dei mari più minacciati dalla plastica: urgenti azioni a tutela degli ecosistemi marino costieri sono fondamentali, altrimenti, secondo le stime, nel 2050 il mare ci sarà più plastica che pesci. Vasto si fregia della bandiera verde come spiaggia adatta ai bambini e di quella blu per le acque pulite, ma viene da chiedersi quanto i chili di plastica rilasciati ogni giorno su queste spiagge siano compatibili con questi “vessilli”.

Quella che vediamo accumulata sulle dune e le aree protette di Vasto Marina, rappresenta solo la parte visibile di questa quotidiana dispersione di plastica, ma chissà quanta ne finisce in mare ogni giorno a causa di questi ombrelloni hawaiani: è ora che il Comune di Vasto, come già fatto da altre Amministrazioni locali, adotti una ordinanza che vieti l’utilizzo di questi ombrelloni.

Forum civico ecologista ARCI Vasto Italia Nostra del Vastese Gruppo Fratino Vasto

image_pdfimage_print

About Post Author