Sezioni

15 Giugno 2024 home

Abruzzo Popolare

Sito di informazione quotidiana: politica, cronaca, economia, ambiente, sport, piccoli Comuni, editoriali e rubriche

CARA ROSY,

la lezione di Moro …non vive al Nazareno

di Giuseppe Fioroni

Rosy Bindi s’incarica di coprire l’adesione al nuovo corso del Pd con un sollecito all’imitazione (di Moro) che suscita perplessità. Mi dispiace, non sono d’accordo.

Avevamo evitato finora di piegare la lezione di Moro alle logiche di partito. Ora, però, Rosy Bindi s’incarica di coprire l’adesione al nuovo corso del Pd con un sollecito all’imitazione (di Moro) che suscita perplessità. “Noi cattolici – ha detto ieri – dobbiamo sempre essere irrequieti, mai appagati, ce l’ha insegnato Aldo Moro“.

Dunque, irrequieti vuol dire aderire alla svolta radicale di Elly Schlein?

E questo sarebbe l’inveramento del moroteismo?

Mi sembra alquanto azzardato.

Certo, Moro invitava i democratici cristiani a non acquietarsi  nella gestione del potere. Il suo pensiero aveva come centro di gravità la visione responsabile delle cose e, insieme, poneva a fondamento dell’iniziativa politica la coerenza che questa visione implicava. La novità non andava respinta, ma nemmeno inseguita ingenuamente: piuttosto doveva essere capita, per non cedere a superficialità di analisi e di proposta. Era contrario alle semplificazioni.

Nel famoso discorso sui “tempi nuovi”, tenuto al Consiglio nazionale della Dc alla fine del 1968, indicava la strada delle riforme e del cambiamento, a patto però di non perdere il senso della missione storica e politica dei cattolici democratici.

“[…] guai a recidere – ammoniva – le radici che affondano nel nostro passato e nel nostro patrimonio ideale. Comprendo perciò l’appassionata spinta al rinnovamento che ci viene da noi stessi e dalle cose; ma non saprei d’altro canto riconoscere (né il Paese lo potrebbe) la Democrazia Cristiana in un nuovo partito radicale avulso dalla concreta nostra esperienza, dal nostro senso umano, dai nostri ideali“.

Dovremmo riflettere bene su queste parole.

Una citazione estrapolata dal contesto può risultare ingannevole, ma se guardiamo all’insieme delle battaglie di Moro troviamo sempre l’orgoglio di una limpida appartenenza a un movimentodemocratico e cristiano – che non doveva smarrirsi nel gioco delle transazioni e degli accomodamenti, specie se in ballo c’era il confronto sulla trasformazione degli equilibri politici.

Sta di fatto che Moro non ha mai rinunciato ad un’identità di cultura e azione politica, insistendo a più riprese sulla necessità di mantenere fermo il richiamo ai principi ispiratori dell’impegno storico dei cristiani.

https://piattaformapopolare.net/2023/03/11/cara-rosy-la-lezione-di-moronon-vive-al-nazareno/
image_pdfimage_print

About Post Author