Sezioni

15 Giugno 2024 home

Abruzzo Popolare

Sito di informazione quotidiana: politica, cronaca, economia, ambiente, sport, piccoli Comuni, editoriali e rubriche

ENTRA NEL VIVO IL XXIII FESTIVAL della Lettera d’Amore

Il 6 agosto riconoscimento agli Uscitanord e a Luigi D’Agnese; il 7 agosto don Aldo Bonaiuto premio alla bontà e un film di Edoardo Winspeare, l’8 agosto premiazione della XXIII edizione; 9 e 10 agosto teatro e danza

Torrevecchia Teatina, 4 agosto 2023. Domenica 6 agosto alle ore 20 presso il PalazzoValignani è prevista la cerimonia di premiazione riservata agli studenti delle scuole, giuria formata da Anna Crisante, Monica Ferri, Maria Cristina Esposito, Giovanna Tacconelli, Barbara Verì. Nel corso della manifestazione l’assegnazione del Trofeo della Lettera d’Amore all’etnomusicologo Luigi D’Agnese e alla band degli Uscitanord che saranno consegnati da Domenico Di Virgilio e dal chitarrista Lorenzo Di Marcoberardino e dalla cantante Marcella Di Pasquale.

Se l’anno scorso il Comitato organizzatore, per l’assegnazione dei Trofei “Premio lettera d’amore”, si era concentrato sulla sintassi e semantica del corpo, conferendo riconoscimenti a personalità del mondo della danza, per l’anno 2023 si è concentrato sulla relazione tra musica e amore, tra suono e voce, individuando artisti che si sono espressi, nella loro ricerca, in tale direzione. 

Per Luigi D’Agnese, etnomusicologo, studioso della tarantella montemaranese, il rapporto tra musica e amore è passione… In un’aria popolare locale: Sulillo mio (canto d’amore) raccolto e registrato sul campo tanti anni fa, in due strofe, si riporta una riflessione: “Sulillo mio ‘otta a calane, sulillo mio ‘otta a calane vuoi vagliò… Porta ‘sta lettera, portala a ninno mio, porta ‘sta lettera portala a ninno mio, vuoi vagliò…” (Sole mio, tramonta, Sole mio, tramonta o ragazzo/Porta questa lettera, portala al mio innamorato, porta questa lettera, portala al mio innamorato o ragazzo/…)

In questi pochi versi del canto, si evince l’amore sconfinato tra giovani, la nota interessante è che – in questo caso – è la ragazza la scrivente, che lavora, perché il canto si eseguiva durante la mietitura.

L’amore è la cifra stilistica della musica degli Uscitanord e il rapporto con ne deriva non è inteso soltanto nel suo significato più semplice, come una dedica di un innamorato alla persona amata, ma viene esplorato nel senso più puro e sincero del termine, così come ci ricorda la stessa definizione data da Emily Dickinson “Che l’amore sia tutto, è tutto ciò che sappiamo dell’amore”.

Lunedì 7 agosto alle ore 18 presso il Palazzo Valignani prima edizione del Premio Lettera d’Amore “alla Bontà” promosso con i catechisti della parrocchia di San Rocco, giuria presieduta da Don Nico Santilli, cui seguirà alle 21 la proiezione del film “La vita in comune”, all’aperto. I riconoscimenti andranno a: Don Aldo Buonaiuto, Luca Fortunato, Andrea Rubino, Elia Pegollo, Edoardo Winspeare. Ad assegnare loro i trofei: Don Nico, parroco di San Rocco,  il Sindaco di Torrevecchia Teatina Francesco Seccia, il Sindaco di Chieti Diego Ferrara, l’Assessore Pino Lamonaca, Erica Toto presidente ANFFAS, Gianluca Marchesani dell’AVIS, Marialaura Di Loreto del Centro antiviolenza, il medico oncologo Domenico Genovesi, Massimo Montebello (presidente C.R.I. Chieti), l’interprete Antonella Perlino, Ennio Mincone, Miriana Giardinelli, Denis Iezzi, Antonio Latino, Luca Magnacca.

Alle 21 sarà proiettato il film di Edoardo Winspeare, La vita in comune, selezionato alla Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Orizzonti, vincitore del Premio CICAE.

Martedì 8 agosto alle 21 nel parco “San Karol” del Palazzo Valignani, si svolgerà la cerimonia di premiazione della XXIII edizione del “Premio Lettera d’Amore”, nel corso della quale saranno assegnati riconoscimenti a Roberto Pedicini, doppiatore, attore, conduttore radiofonico e televisivo, Marco Moresco, pianista, compositore e direttore d’orchestra, con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra Filarmonica marchigiana, l’Orchestra sinfonica di Sanremo, l’Orchestra della stagione Lirica teramana, l’Orchestra del Teatro Marrucino, Taipei Century Chamber Solists, Plovdiv State orchestra, l’Orchestra dell’Accademia Musicale Pescarese. Dal 2018 è Direttore residente dell’Orchestra sinfonica Abruzzese. Numerose le sue registrazioni, per la ABC Classic Australiana, per la Dynamics una monografia su Hindemit, per la Brilliant Classic l’integrale delle romanze da camera di Tosti; Mattia Serra, professore al dipartimento di fisica dell’Università della California, di san Diego, Schmitt Science Fellow all’Università di Harvard, membro del comitato direttivo dell’UCSD Center for Astrophysics and Space sciences Exoplanet, collabora con il Serra Group con cui sviluppa metodi e modelli matematici basati sui dati per studiare sistemi biologici e fisici complessi, per lo più definiti attraverso serie di dati dinamici sperimentali. Questi sistemi sono tipicamente non lineari, multi-scala e caotici, e richiedono quindi nuove idee per 1) scoprire al meglio i meccanismi causali sottostanti dalla loro impronta sui dati, e 2) prevedere il loro comportamento dai processi di guida essenziali; Pasquale D’Allevo, CEO della Ompa, una industria conosciuta oggi a livello internazionale OMPA è un’officina meccanica qualificata con oltre 47 anni di esperienza nella produzione di attrezzature progettate su misura, servizi di filettatura e servizi di lavorazione di precisione. Detiene le principali Certificazioni Standard di Qualità e negli anni ha conseguito le licenze per realizzare filettature brevettate per alcune delle quali è l’unica officina autorizzata in Italia. OMPA si è affermata nel settore Energetico e in particolare nel supporto a tutto il comparto dell’OIL&GAS, ma anche delle nuove tecnologie di approvvigionamento energetico come la geotermia.

Il 9 agosto il festival prosegue con uno spettacolo teatrale della Compagnia dell’Arcadia dell’Associazione Kalos dal titolo “Dell’amore e dell’arte”. E’ una performance teatrale dedicata ad alcuni tra i più grandi artisti . Vincent Van Gogh, Frida Kahlo,Camille Claudel, Caravaggio, Artemisia Gentileschi, Michelangelo, prenderanno vita e racconteranno il loro vissuto intimo,intenso e tormentato. Arricchiranno la scena e il pathos gli allievi del corso di pittura della maestra Daniela Ricciardi che dipingeranno in estemporanea e gli allievi del corso di canto della maestra Letizia Triozzi, accompagnati al pianoforte dal maestro Maurizio Chiavaroli.Il coordinamento e la regia sono di Fabio di Cocco. L’ ideazione,i testi e la scenografia di Daniela Ricciardi, presidente dell’associazione KALÓS.

Il 10 agosto seguirà uno spettacolo di danza dal classico al contemporaneo della Scuola di Gabriella Parinelli, coadiuvata dalle maestre Daniela Carosella ed Erika Morelli. La scuola, vanto della cittadina di Torrevecchia, ha dato prova di sé recentemente al Teatro Marrucino di Chieti e collabora con il Comune di Francavilla nella realizzazione del Carnevale della città.

image_pdfimage_print

About Post Author