Sezioni

3 Marzo 2024 home

Abruzzo Popolare

Sito di informazione quotidiana: politica, cronaca, economia, ambiente, sport, piccoli Comuni, editoriali e rubriche

INCLUDI LAVORO

Al via il progetto di inclusione lavorativa per persone svantaggiate e disabili psichiatrici.  L’Unione di Comuni “Città Territorio Val Vibrata”, capofila dell’intervento

Sant’Omero, 18 dicembre 2023. Questa mattina, presso la sede dell’Unione di Comuni Città Territorio Val Vibrata a Sant’Omero si è costituita un’Associazione Temporanea di Scopo per dare il via al progetto di inclusione lavorativa, “Includi Lavoro, destinato a persone svantaggiate e con disabilità psichiche. L’intervento è stato finanziato dalla Regione Abruzzo con 1 milione 291 mila euro (nell’ambito del progetto Abruzzo include 2) e individua l’Ambito Distrettuale Sociale “Val Vibrata” come capofila.

Della nuova Ats fanno parte, oltre all’Ambito “Val Vibrata” (Unione Comuni Val Vibrata), l’Ambito Distrettuale Sociale “Tordino – Vomano” (Unione di Comuni “Terre del Sole”); l’Asl di Teramo (attraverso il Dipartimento di Salute Mentale); l’organismo di formazione accreditato dalla Regione Abruzzo P.D. Formazione & Servizi e l’agenzia per il lavoro Manpower.

L’iniziativa coinvolgerà 18 Comuni (Alba Adriatica, Ancarano, Civitella del Tronto, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Martinsicuro, Nereto, Sant’Egidio alla Vibrata, Sant’Omero, Torano Nuovo e Tortoreto, Bellante, Giulianova, Morro d’Oro, Mosciano Sant’Angelo, Notaresco e Roseto degli Abruzzi) ed è rivolta a 140 utenti (compresi i nuovi richiedenti) dei Servizi sociali. Nello specifico: 65 utenti presi in carico dall’Ambito Val Vibrata, 45 utenti dall’Ambito Tordino-Vomano e 30 utenti del Dipartimento di Salute Mentale della Asl di Teramo.

La proposta vuole rappresentare un importante strumento di contrasto al crescente fenomeno dell’esclusione sociale e della povertà nelle sue diverse forme.  L’iniziativa, che avrà durata di 24 mesi, si pone l’obiettivo specifico di prendere in carico 140 destinatari che mediante i progetti personalizzati saranno avviati a tirocini extracurriculari, tirocini inclusivi e borse lavoro.

In sintesi, l’intervento sarà articolato in 2 linee: la linea 1 prevede la presa in carico dei destinatari con progetti personalizzati di inclusione sociale. Contemporaneamente sarà pubblicato uno specifico avviso pubblico mediante il quale saranno raccolte le manifestazioni di interesse da parte dei potenziali soggetti aventi diritto; la linea 2 invece prevede l’attivazione dei tirocini extracurriculari in favore di 70 utenti della durata di 12 mesi con un impegno di 25 ore settimanali e con un’indennità mensile di  600 euro; l’avvio dei tirocini inclusivi in favore di 40 utenti della durata di 12 mesi con un impegno di 25 ore settimanali e con un’indennità mensile di 500 euro; borse lavoro in favore di 30 utenti, con disagio psichico, per una durata di 12 mesi ed un’indennità di partecipazione mensile di 340 euro.

“Oggi si apre una preziosa porta di accesso al mondo del lavoro per i soggetti più deboli e in particolare condizione di difficoltà socio-economica e comunque in carico ai servizi socio-assistenziali, sanitari e/o socio-sanitari territoriali>>, afferma congiuntamente il presidente dell’Unione di Comuni Val Vibrata, Massimo Vagnoni ed il suo omologo dell’Unione di Comuni “Terre del Sole”, Mario Nugnes. <<Si tratta di un intervento molto importante perché favorisce le condizioni di inserimento nel mondo del lavoro di persone che per diversi motivi si trovano in una particolare condizione di svantaggio e fragilità attraverso percorsi personalizzati di inclusione sociale; le opportunità formative e occupazionali offerte diventano così uno strumento prezioso per il recupero di una autonomia personale e per la realizzazione del proprio progetto di vita. Saranno attivati almeno 140 progetti individualizzati di accompagnamento al lavoro, compresi tirocini e borse lavoro, prevedendo per ciascuno l’erogazione di una indennità mensile di partecipazione quale sostegno all’inclusione attiva dei destinatari fino ad un importo massimo mensile di 600 euro.

Inoltre, particolare attenzione verrà data anche alla promozione della parità di genere, facilitando quanto più possibile la partecipazione dei tirocinanti gravati da un grave carico di cura di familiari conviventi, attraverso l’erogazione di voucher fino  a 1000,00 euro a copertura dei costi dei servizi di assistenza alla persona che consentano di organizzare i propri tempi in modo da poter partecipare al progetto (ad esempio servizi di assistenza e cura in caso di persona con minori, anziani e diversamente abili), e ancora dei costi per il trasporto e l’eventuale vitto.”

image_pdfimage_print

About Post Author