Sezioni

24 Febbraio 2024 home

Abruzzo Popolare

Sito di informazione quotidiana: politica, cronaca, economia, ambiente, sport, piccoli Comuni, editoriali e rubriche

TUTTO TEX TOMBSTONE EPITAPH

Il dovere di cronaca nel Far West

di Romano Pesavento

Pescara, 28 dicembre 2023. È in edicola dal 28 dicembre il numero 633 di Tutto Tex “Tombstone Epitaph”, edizione Bonelli, con sceneggiatura di Mauro Boselli, disegni di Gianluca Acciarino e copertina di Claudio Villa.

Tombstone Epitaph è una storia molto attuale e ben strutturata da Mauro Boselli: i pards devono saldare il conto con l’ennesimo giovane e deviato “signorotto del Sud”, intento ad espropriare con le buone o con le cattive i soliti poveri coloni di frontiera; ma, tra le tante imprese gloriose, arriva addirittura a giustiziare un giornalista integerrimo, che aveva osato denunciarne i misfatti sul suo periodico, e qui si colma la misura. La libertà di stampa, soprattutto quando diventa lo strumento per disvelare la corruzione dei potenti, diventa la misura di civiltà di un popolo. E Tex, anche se ha i suoi metodi, intende proteggere chi difende i deboli, onora la propria coscienza e non teme le minacce delle caste. La libertà di stampa nel presente albo verrà affidata a una figura femminile, non tanto in ossequio al politicamente corretto, bensì nel rispetto della verità storica, in quanto le prime giornaliste / scrittrici si manifestarono proprio intorno alla prima metà dell’Ottocento negli Stati Uniti.

La copertina rappresenta il volo dello sceriffo corrotto da una finestra chiusa, che va in frantumi sotto l’urto del suo corpaccione, sollevato da terra da un colpo micidiale di Tex. Interessanti l’inquadratura e la prospettiva dall’interno, elaborate da Claudio Villa, che rendono perfettamente velocità e dinamismo dell’azione.

I disegni di Acciarino sono curati e raccontano con efficacia le vicende; l’antipatia dei cattivi trapela dalla mimica facciale, ma anche da, forse, qualche citazione di autore: Jared, giovane sadico, ricorda nei tratti somatici Alex di Arancia Meccanica.

L’albo si presenta avvincente e foriero di sviluppi interessanti, perché così come il signorotto spagnolo don Rodrigo si rivolge a uno specialista, l’Innominato, per sciogliere i suoi nodi, anche qui i malvagi contano di risolvere i loro problemi con Carson e Tex, effettivamente più impegnativi di Lucia Mondella, rivolgendosi a un personaggio misterioso, una sorta di superfetente con relativo corteo di supporto a seguito. Basterà un simile apparato di accoglienza per neutralizzare i pards?  

image_pdfimage_print

About Post Author