Sezioni

21 Luglio 2024 home

Abruzzo Popolare

Sito di informazione quotidiana: politica, cronaca, economia, ambiente, sport, piccoli Comuni, editoriali e rubriche

DANNEGGIAMENTI ALLA VILLA

Sindaco e assessori Rispoli e Pantalone su campo della Villa: “I danneggiamenti al tappeto sono uno sfregio alle città e all’utenza. Inutili telecamere e cancelli se c’è chi non ha rispetto per beni che sono di tutti”

Chieti, 3 gennaio 2024. “Il danneggiamento del campetto della Villa comunale, nuovo di zecca e appena riqualificato con risorse regionali, è un gesto di enorme gravità ai danni della città e della comunità che sono le proprietarie dell’impianto. Un danno che qualifica chi lo ha fatto e che ci auguriamo di trovare, perché attiveremo anche le forze dell’ordine”, così il sindaco Diego Ferrara con gli assessori a Lavori Pubblici e Sport Stefano Rispoli e Manuel Pantalone.

“Far esplodere petardi su un tappeto appena riqualificato è davvero un’azione irresponsabile, un bruttissimo gesto di vandalismo che rivela la mancanza di ogni tipo di rispetto per opere che sono di tutti – rimarcano gli amministratori – Inutile mettere telecamere e cancelli se c’è chi è capace di fare cose simili, sapendo che sarà la città a pagare il costo di questo gesto, perché ripristinare lo stato dei luoghi sarà oneroso, richiederà tempo e renderà lo spazio impraticabile. Veramente un’azione da non credere, considerando anche gli enormi sforzi che, come Amministrazione, stiamo facendo per rendere fruibili più spazi possibili. Non appena scoperto ci siamo subito attivati con la ditta perché agisse al più presto per riparare il danno che non solo poteva essere evitabile, ma che sostanzia due violazioni tutte e due gravi: intaccare l’integrità di un’opera attesa a lungo, da mesi restituita alla città e utilizzata da tutti, perché l’ingresso è libero e l’altro riguarda lo scoppio di petardi che il regolamento comunale da anni vieta a Chieti. Non tollereremo più atti come questo, per tale ragione ci siamo rivolti alle autorità perché si arrivi ai responsabili”.

image_pdfimage_print

About Post Author