Sezioni

19 Aprile 2024 home

Abruzzo Popolare

Sito di informazione quotidiana: politica, cronaca, economia, ambiente, sport, piccoli Comuni, editoriali e rubriche

ABRUZZO AIRPORT DEDICATA A  D’AMICO

Il pioniere dell’aviazione abruzzese, la sala CdA; Nel 1910, D’Amico promosse Spettacoli di Aviazione, la prima manifestazione dedicata al volo

Pescara, 7 marzo 2024. Porterà il nome di Biagio D’Amico la sala del consiglio di amministrazione della Saga. Questa mattina, è stata ufficialmente scoperta la targa apposta nella sala al piano terra del terminal, all’interno degli uffici amministrativi della società di gestione aeroportuale e dedicata al “pioniere dell’aviazione abruzzese”. Biagio D’Amico (papà di Luigi D’Amico, l’inventore del Parrozzo) nell’agosto del 1910 promosse nella zona della pineta di Pescara, “Spettacoli di Aviazione”, la prima manifestazione dedicata al mondo aereo per Pescara e la quinta in assoluto in Italia.

“Siamo agli inizi del 1900, appena sette anni dopo il primo volo della storia, del 1903, in una Pescara che contava 12 mila abitanti e che non era nemmeno unita a Castellammare né tantomeno provincia”, ricorda Pierluigi Francini, bisnipote di Biagio D’Amico, presente all’intitolazione. “Lui era una persona pacifica, che aveva un’attività di commercio e produzione dolciaria in piazza Garibaldi. Eppure, era una persona lungimirante, tanto che pensò di organizzare questo evento epocale che in qualche modo può rappresentare un atto di battesimo dell’aeroporto di Pescara”.

Nel 1914, lo stesso D’Amico scrisse una lettera al sindaco di allora (oggi conservata negli archivi comunali), nel quale propose, ricordando i suoi meriti di promotore di quella manifestazione, l’istituzione di un campo di istruzione aviatoria. Questa intitolazione mi fa molto piacere, perché credo sia utile e importante per tutta la città scoprire e valorizzare le radici”, prosegue Francini. “Questa storia è poco nota”, commenta il presidente di Saga, Vittorio Catone, “ma è anche molto affascinante e significativa. Ecco perché abbiamo voluto dedicare a questa figura così particolare l’intitolazione della sala. Un piccolo segnale per tributare un doveroso omaggio”.

image_pdfimage_print

About Post Author